Einodios

Nome utente:      Password:     Ricordami

Hai perso la password? |  Registrati ora!
Sezioni

Dall'Archivio
Upper Barrakka Gardens

Viaggiare Low Cost : Come pagare all'estero: Travellers Cheque, carte di credito ricaricabili e conclusioni
Inviato da einodios il 13/3/2009 0:10:00 (13808 letture)

In questo articolo, che conclude la nostra guida sui metodi di pagamento in paesi che non fanno parte dell'Unione Monetaria Europea, vedremo cosa sono i travellers cheque, parleremo delle carte di credito prepagate e trarremo delle conclusioni finali.




TRAVELLERS CHEQUE
I travellers cheque (o traveler's check, traveller's cheque, travelers check o traveler's cheque) sono uno strumento poco conosciuto e poco pratico, ma che in alcune situazioni può risultare molto comodo.
Si tratta di veri e propri assegni (generalmente di tagli prefissati) in valuta estera. Quelli dell'American Express sono emessi solo in Euro e in Dollari, mentre quelli emessi di altri istituti specializzati possono essere anche in Sterline, Yen e Dollari Canadesi.
La sicurezza dei travellers cheque è garantita dal fatto che devono essere firmati nel momento in cui vengono emessi e quando vengono cambiati. Inoltre, ogni I travellers cheque è dotato di un numero seriale e può essere bloccato in caso di furto o smarrimento.
Possono essere cambiati presso una banca o un cambiavalute oppure possono essere utilizzati direttamente nei negozi e negli alberghi convenzionati.
Per l'acquisto è richiesta una commissione fissa più una variabile in funzione dell'importo. Una commissione può anche essere richiesta nel momento in cui vengono cambiati.
Non avendo data di scadenza, i travellers cheque eventualmente non utilizzati possono essere cambiati una volta rientrati in Italia, pagando una commissione.
Può convenirne l'acquisto quando ci si reca in paesi in cui non è facile trovare ATM o in cui le carte di credito non sono molto diffuse. Inoltre, vista la loro intrinseca sicurezza, sono consigliabili quando si ha necessità di portare molta valuta con sé.

POSTEPAY: UNA SOLUZIONE PRATICA ED ECONOMICA
Bancomat e Carta di Credito presuppongono di solito il possesso di un conto corrente. Chi non dovesse averne uno può rivolgersi alle carte prepagate. La PostePay è, da questo punto di vista, un ottimo mezzo di pagamento: non ha commissioni annuali (costa solo 5 euro al momento dell'emissione), può essere ricaricata della cifra che preferiamo (fino ad un massimo di 3.000 euro) pagando un solo euro per ogni operazione e fa parte del circuito Visa Electron (ossia, è accettata praticamente in tutto il mondo). Inoltre, se dovessimo terminare il credito prima di far ritorno a casa sarebbe possibile farcela ricaricare in tempo reale da amici o parenti presso un qualsiasi ufficio postale o presso gli ATM abilitati. Fate attenzione al fatto che il prelievo in paesi al di fuori dell'area Euro prevede il pagamento di una commissione di 5 €. Il tasso di cambio applicato è invece quello del circuito Visa, senza alcun ulteriore aggravio.
Da poco Banca Etica ha messo in vendita un bancomat ricaricabile. Anche in questo caso non è necessario essere titolari di un conto corrente. Per maggiori informazioni, si rimanda al sito della Banca Etica.

CONCLUSIONI
- Quando si viaggia (sia in Italia che all'estero) l'ideale è portare sempre con sé una certa somma in contanti, il bancomat e la carta di credito (tradizionale o del tipo ricaricabile). Il giusto mix di questi tre strumenti vi permetterà di risparmiare somme a volte abbastanza consistenti.

- E' preferibile procurarsi la valuta estera prima di partire e ricambiarla prima di rientrare in Italia.

- Molte valute estere sono impossibili da cambiare in Italia. In questi casi, sarà necessario effettuare le operazioni di cambio una volta giunti sul posto, ricordandovi di liberarvi di tutto il denaro rimasto prima di ripartire.

- Se, alla fine del viaggio, dovesse rimanervi una cifra esigua (l'equivalente di poche decine di euro) tenete presente che, a causa delle commissioni applicate, potrebbe non valere la pena di effettuare il cambio (soprattutto una volta tornati in Italia). Ricordatevi inoltre che gli uffici di cambio accettano solo banconote straniere, non monete (se doveste tornare in Italia con 50 sterline in monetine non avreste più la possibilità di cambiarle). In questi casi vi suggeriamo di conservare qualche moneta o banconota di piccolo taglio come souvenir oppure, se viaggiate in aereo, potrete liberarvi degli ultimi spiccioli acquistando qualche souvenir in aeroporto.

- Nelle maggiori località turistiche dei paesi con economie non molto forti è possibile pagare con gli Euro in alcuni negozi e ristoranti. Si tratta però di una pratica non ufficiale e il tasso di cambio applicato potrebbe non essere dei migliori.

- Verificate le condizioni economiche e i limiti massimi giornalieri e mensili applicati all'estero dagli istituti di credito che hanno emesso il vostro Bancomat e la vostra Carta di Credito.

- Evitate nel modo più assoluto il cambio in nero e, se possibile, anche quello effettuato in albergo e in aeroporto.

- Verificate se nel paese in cui vi recherete la vostra carta di credito viene accettata e se sono presenti degli ATM per prelevare contanti tramite Bancomat. In alcune nazioni potrebbe essere necessario utilizzare i traveller's cheque.

Se avete bisogno di chiarimenti, vi invitiamo ad iscrivervi al nostro sito e a formularci qualsiasi domanda all'interno del nostro forum.

ARTICOLI CORRELATI:

- Come pagare all'estero: Leggere le tabelle di cambio
- Come pagare all'estero: Cambio in Italia o all'estero?
- Come pagare all'estero: Dove cambiare, come prelevare contanti e come pagare

SERVIZI UTILI

Convertitore di valuta in tempo reale

Rango: 9.00 (4 voti) - Vota questa notizia -



Altri Articoli
1/9/2016 10:37:56 - Croazia, amore a prima vista
15/12/2015 15:28:02 - Roma golosa speciale Natale 1
23/11/2015 16:59:48 - Roma segreta: L'oratorio di San Silvestro
17/11/2015 14:17:27 - A spasso per Roma: Caravaggio gratuito
12/11/2015 15:32:37 - Roma gourmet: pizza o pinsa?



Inserisci questo articolo come segnalibro

                   

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.



 Sondaggio
Hai mai viaggiato in aereo gratis?
No

Einodios.it © 2008 - 2010
Maison Nila  Contatti